Anche oggi nel 2015 bisogna prendere come esempio i discepoli di Gesù; diffondere il messaggio con entusiasmo ed abnegazione. Circa 2000 anni addietro il Cristianesimo si diffuse oltre la comunità giudaica. Tuttavia, quasi dall’inizio il Vangelo cominciò ad essere corrotto, talora a causa di sinceri fraintendimenti, ma più spesso deliberatamente. Il Vangelo, infatti, è un messaggio potente, in grado di trasformare la vita di una persona, ed è per questo che nei secoli molti se ne sono serviti per farsi dei seguaci, lo hanno distorto per avvalorare le proprie dottrine, o ne hanno semplicemente fatto uno strumento di lucro. Gesù, però, non disse ai Suoi discepoli di far proseliti a tutti i costi, ma aveva così ammonito coloro che volevano seguirlo: <Chi non porta la propria croce e non viene dietro a Me, non può essere Mio discepolo. Gesù Cristo sapeva che molti si sarebbero pentiti solo superficialmente. Ma lungi dal desiderare discepoli ad ogni costo, Egli voleva che lo seguissero soltanto coloro che erano disposti a calcolare la spesa, cioè a vivere una vita basata sull’amore per Dio e sull’amore per il prossimo. Vediamo ancora una volta che il vero Cristiano non è una persona a cui è capitato di nascere in un <paese cristiano> e che di tanto in tanto, casualmente, osserva alcune tradizioni cristiane. Vero Cristiano è colui che è attivamente e costantemente impegnato a seguire la via di Dio, a discernere i Suoi pensieri e a fare la Sua volontà.BeFunky_1420463110.jpg